PERSONE |

Gli Alemagna sono tornati

ALBERTO E TANCREDI, PRONIPOTI DEL FONDATORE DELLO STORICO MARCHIO E LAUREATI BOCCONI, HANNO AVVIATO UNA PROPRIA ATTIVITÀ DOLCIARIA. VOLUTAMENTE DI NICCHIA

Il colore azzurro chiaro della confezione, il Duomo di Milano stilizzato e la A come sigillo di garanzia. Il marchio Alemagna è uno dei simboli della Milano produttiva che nei primi decenni del ‘900 hanno contribuito al miracolo economico. Ora quel marchio esiste ancora, ma non è più proprietà della famiglia che l’ha lanciato, anche se gli Alemagna sono tornati e promettono di restare a lungo.

Alberto e Tancredi Alemagna, infatti, pronipoti di Gioacchino che fondò l’azienda nel 1921 e nipoti di Alberto che la valorizzò, entrambi laureati all’Università Bocconi (in Economia e legislazione per l’impresa, il primo, in Economia aziendale, il secondo), hanno lanciato una propria attività nel solco della tradizione di famiglia, e cioè nel settore dolciario. Nel 2008, infatti, in piena crisi economica, è nata T’a Sentimento Italiano, cioccolateria artigianale con qualche escursione nella pasticceria secca e nel catering. “L’idea di avviare una nostra attività l’avevamo da un po’”, spiega Alberto Alemagna, “poi ci siamo trovati a un bivio. Tancredi stava per intraprendere una carriera manageriale, o si partiva o si rinunciava. E siamo partiti”.
Il settore poteva essere solo quello dolciario, “non consideravamo altre opzioni”, confessano, il punto di partenza il cioccolato, sia per gusti personali sia a seguito di accurate ricerche di marketing. “Ci siamo accorti che mancava in Italia una realtà che abbinasse la qualità delle materie prime al design e rispetto per l’ambiente per quanto riguarda il packaging e abbiamo voluto colmare quella lacuna. Siamo infatti convinti”, spiega Alberto, “che in questa congiuntura economica possano sopravvivere solo i grandi marchi, le multinazionali, o realtà piccole come la nostra che puntano sull’altissima qualità, le aziende medie scompaiono. In Italia mancava il cioccolato d’autore”. E così Alberto e Tancredi viaggiano per il mondo per osservare l’intera filiera del prodotto, dalle piantagioni sudamericane all’arrivo sui mercati europei, “un’operazione necessaria per capire le dinamiche e anticipare i tempi”.
T’a Sentimento Italiano è una realtà piccola, 10 persone, con eleganti uffici a Milano e laboratorio produttivo a Cerro Maggiore, ma in costante ascesa, 230 mila euro il fatturato nel 2008, 1 milione quello 2011. La crescita ci sarà, ma dovrà essere lenta. “Io e Tancredi abbiamo sempre avuto un orizzonte a medio-lungo termine, vogliamo creare valore nel tempo mattone dopo mattone, non crescere velocemente con ardite operazioni finanziarie. E’ quello che ci è stato insegnato e, soprattutto, sono i valori dell’imprenditoria milanese di una volta”. Quella degli Alemagna. Milano e l’Italia sono il target di riferimento, l’estero per ora non è un obiettivo anche se qualcosa (il 9% del fatturato) è venduto negli Stati Uniti, in Inghilterra e in Cina. Ci sarà il tempo per pensarci. “Per ora l’obiettivo concreto è crescere, anche numericamente, ogni anno un po’, ma senza snaturarci. La nostra forza è che in una realtà piccola ognuno si sente coinvolto e partecipa con entusiasmo ad ogni aspetto dell’attività. Forse è anche questa una delle ricette per avere successo in tempi difficili”.


di Davide Ripamonti

Ultimi articoli Persone

Vai all'archivio
  • Sotto questo sole o con la neve, per Tomaso e' bello pedalare

    Da 15 anni parte dell'ufficio stampa Bocconi, e' stato premiato da BikeMi come terza persona che ha percorso piu' chilometri in sella alle bici fornite dal servizio di bike sharing del comune di Milano in 10 anni dalla sua fondazione

  • La Bocconi in finale nella sfida di hospitality management di Hyatt

    Nicole Rier, studentessa del Master in Economia del turismo, vola a Parigi per la finale dell'Hyatt student prize, competition sul management del turismo e dell'ospitalita', e si sfidera' con altri 7 studenti provenienti da universita' di tutto il mondo

  • Vuoi pagare il conto? A me gli occhi

    La biometria scalzera' password e firma. Ma la parola d'ordine per Michele Centemero, alumnus Bocconi e country manager di Mastercard, e' ottimizzare la user experience

Sfoglia la nostra rivista in formato digitale.

Sfoglia tutti i numeri di via Sarfatti 25

SFOGLIA LA RIVISTA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31